I giorni della paura

LibroMastrogiacomo

Un VIAGGIO nella paura. La paura di Mastrogiacomo, giornalista di Repubblica, rapito dai talebani in Afghanistan. I dettagli e le emozioni che riporta sono molto coinvolgenti. Usa un linguaggio crudo: la descrizione dell’omicidio del suo collaboratore Sayed strozza il respiro in gola. Il fascino, che lo stesso autore prova, per una cultura così diversa dalla nostra, viene spazzato via dalla brutalità dell’uomo accecato dell’integralismo religioso. L’ambiguità dell’epilogo della vicenda lascia disorientati.

L’Afghanistan è una terra che non potremo visitare chissà fino a quando. Non c’è la volontà di porre fine al conflitto in questo paese che merita di essere conosciuto per i suoi paesaggi, per la sua storia e per il suo popolo così fiero. Il muro di differenze che ora ci separa, potrebbe essere abbattuto se ci fosse la possibilità di interazione culturale. Potremmo unire integralismo ed emancipazione a formare una nuova società capace di guardare avanti senza perdere di vista le proprie radici.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...