Su Robert Capa e su Instagram

 

In metropolitana, a volte, si ascoltano conversazioni anche senza volerlo. Stamattina due ragazze parlavano dell’organizzazione di una mostra in memoria di un fotografo morto di recente. Ne è nato un interessante scambio di battute sui cambiamenti che il concetto di fotografia sta attraversando…

Quando mi sono avvicinato alla fotografia, bisognava conoscere il funzionamento della macchina fotografica: diaframma, tempi di esposizione, sensibilità della pellicola, una quantità di scatti consistente prima di raggiungere il risultato desiderato e poche possibilità di condividerne l’effettivo valore.  Oggi basta selezionare l’applicazione sullo smartphone, scattare, cliccare ed in pochi secondi raggiungere un vasto pubblico attraverso social media come Instagram, dove, con un altro click, si decide se merita attenzione o meno: più che un cambiamento, una vera rivoluzione!

Il flusso di foto che inonda la rete ogni minuto è impressionante, scatenato da una nuova accessibilità alla fotografia che ha fatto nascere la voglia di immortalare qualsiasi momento della vita, anche il più insignificante.

Mentre la conversazione continuava, ho pensato a Robert Capa. Qualche giorno fa si èIMG_20131024_082306-picsay ricordato il centenario della sua nascita, una buona scusa per rivedere alcune delle sue foto entrate nella storia del fotogiornalismo. L’idea, forse romanica, del fotoreporter che attraversa mille avventure per essere testimone di un avvenimento mi ha accompagnato per tutta la vita e Capa è stato un idolo della mia adolescenza. Non desidero entrare nella più che dibattuta questione della democratizzazione della fotografia, ma avverto l’esigenza di trovare un equilibrio, di sentirmi a mio agio mentre scatto una foto anche con lo smartphone: perché non succede?

Capa diceva: “Se la foto non ti è venuta bene, vuol dire che non ti sei avvicinato abbastanza”. Con un cellulare forse…

3 pensieri su “Su Robert Capa e su Instagram

  1. (ho avuto un problema tecnico al pc mentre scrivevo e non so se il mio commento è arrivato, io per sicurezza lo riscrivo!)
    Riflessione molto interessante. Io non ho una reflex ma amo fare fotografie e vorrei frequentare un corso per imparare bene la tecnica, perchè credo – e le foto dei grandi fotografi ce lo dimostrano – che sia un’arte da coltivare per evitare che si svilisca. Il rischio è che la gente smetta di appassionarsi alle belle foto e si banalizzi il tutto. Già a Milano, ad esempio, si è saputo che lo Spazio Forma, grande luogo di mostre fotografiche e formazione, chiuderà la sede storica ed è in difficoltà. Ecco, questo non mi piace.
    Detto questo, ciò non toglie che anch’io sia smartphone-dipendente e mi piace scattare le cose che mi colpiscono e poterle poi condividere velocemente

    Mi piace

    • Mi sono innamorato della fotografia dopo aver comprato una reflex ed è diventata una parte importante della mia vita. Ti invito a fare lo stesso, più siamo più possibilità abbiamo di difendere luoghi come Spazio Forma.

      Mi piace

  2. Credo che il senso di inadeguatezza dipenda più dal mezzo che dal messaggio. Ma, come diceva McLuhan ‘il mezzo è il messaggio’ e allora basta sapere cosa si vuol dire per non avvertire più quel disagio.
    P.S. Se Robert Capa avesse scattato con Instagram, visti i tempi di accensione e tutto il resto, a quest’ora sarebbe un Endre Ernő Friedmann qualunque 😉

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...