L’Ascensor da Bica e la signora col cappello turchese

cof

Ci sono due modi per godersi Lisbona: a bordo di un tram, guardando scorrere la città e chi la vive dal finestrino e a piedi, gustandosi con calma la capitale portoghese, sbirciando tra le porte aperte ed ascoltando gli abitanti conversare tra di loro.

Percorro Calçada do Combro: ha una leggera salita ed un discreto traffico che restituisce il senso di metropoli che Lisbona mantiene ancora sopito tra i suoi vicoli. Il Tram 28 mi supera col consueto fracasso appena arrivo a Largo do Calhariz; non è un vera e propria piazza, ma racchiude un micro mondo molto particolare.

Una signora seduta in un angolo è coperta da un cappello che lascia trasparire la sua nazionalità. Ha un abbigliamento da viaggiatrice abituale ed usa le gambe per reggere un quaderno dove sta ultimando uno schizzo dell’immagine che ha davanti.

DSC04545

La funicolare dellAscensor da Bica è lì, ferma, in attesa di una nuova discesa. Intorno c’è chi fotografa, chi beve una economica birra, chi fuma qualsiasi cosa, chi chiacchiera. C’è chi è semplicemente di passaggio e chi si gode questo teatro all’aperto senza un apparente motivo, a fazer ora, come dicono qui. Un signore affacciato ad un balconcino, spettatore da una posizione privilegiata, sembra accertarsi che tutto sia al suo posto per poter dare il via libera.

DSC04547

Arriva il momento. All’interno della cabina in legno c’è chi si rianima per godersi il breve viaggio. Qualcuno spegne una sigaretta e sale a bordo. Intorno tutto si ferma. Il tintinnio metallico del tram zittisce il trambusto di voci che avvolge il vicolo. Le rotaie si mettono a lavoro e la cabina si muove. Nessuno saluta, non ci sono addii. Dopo poco il vicolo torna nel suo stato di saudade momentanea, nell’attesa del prossimo arrivo, della prossima partenza. C’è un cambio di personaggi, altri curiosi, altri fotografi. Il fiume in fondo alla discesa, allenta la claustrofobia della stradina, ma la viaggiatrice che designa non può vederlo: è ancora seduta sulle scale con la sua opera praticamente finita.

Intanto un’altra funicolare è tornata: altri colori, altro conducente, altre storie. Il percorso, però, è sempre lo stesso, sembra una modella in una sfilata vintage pronta per altri scatti, altri applausi.

Il cappello turchese della disegnatrice è ancora fermo, proteso sul quaderno ad ostacolarne parzialmente la visuale. Vorrei sbirciare tra quelle pagine: chissà dov’è stata prima, chissà cosa pensa mentre disegna. A breve girerà ancora pagina per un altro disegno, un altro scorcio di Lisbona, un’altra emozione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...